Benevento ha bisogno di più partecipazione e di meno protagonismo

Benevento ha bisogno di più partecipazione e di meno protagonismo

Continua, inaccettabile e deleterio, il decisionismo del Sindaco di Benevento, che si sente ogni giorno di più l’Uomo Solo al Comando, depositario unico e incontrastabile delle migliori soluzioni ai problemi della cittadinanza.

Di questa sua convinzione hanno già fatto le spese un numero considerevole di assessori, rimossi.

Illustrando nel 2016 il suo programma di mandato, il sindaco Mastella ebbe a sottolineare:“Non credo ci siano dubbi sul fatto che le attuali condizioni di ritardo economico e produttivo, necessitino una condivisione dell’azione amministrativa tra tutte le parti politiche titolari della rappresentanza. Credo si possano mettere da parte visioni di piccolo cabotaggio o legate all’utilità marginale delle singole forze politiche o, ancora meno, al protagonismo dei soggetti.”

Accettando il ricercato confronto tra le parti, il Movimento 5 Stelle da subito ha offerto il suo contributo concreto di idee alla risoluzione dei problemi cittadini e continua a farlo, in particolare, nell’ambito di Commissioni consiliari il cui operato, però, risente del carente coinvolgimento preventivo alle decisioni.

Ci chiediamo come sia possibile programmare autonomamente decisioni estreme, anche se basate su valutazioni tecniche, circa abbattimenti  e ricostruzioni di scuole pubbliche a rischio sismico  o pensare di autorizzare consumo di suolo per nuove costruzioni e nuovi parcheggi su recuperati “vuoti urbani”!

Il M5S invita l’Amministrazione tutta a superare il “protagonismo dei soggetti” e ad ascoltare e coinvolgere  “titolari di rappresentanza” ma anche soggetti attivi ed associazioni, elaborando finalmente qualche idea strategica, come per esempio il Bilancio Partecipativo, grazie al quale i progetti, ad esempio, vengono scelti dai cittadini all’interno del Piano delle opere pubbliche che l’Amministrazione si impegna a sviluppare.

Si fa da anni in grandi città, come Milano, perché sarebbe proibitivo a Benevento?

Il nostro Movimento è attento ai bisogni dei Beneventani, meritevoli di attenzioni maggiori riguardo alla loro qualità della vita.

Alle carenze incancrenite di sanità e trasporti, per le quali i Parlamentari 5 Stelle si sono attivati a livello governativo, Benevento conserva senza soluzioni ravvicinate altri gravi problemi, legati alla qualità dell’aria, alla sicurezza dei fiumi, all’emarginazione delle categorie più deboli.

Se le PM10 possono essere abbattute con un Piano territoriale degli Orari della Città ed i pericolosi corsi d’acqua mitigati con un Contratto di Fiume, l’uso ed il riuso urbano devono essere accuratamente pensati in modo che il cemento e le auto contino meno dei cittadini, a cominciare dai bambini e dalle bambine, che sarebbero felici di riavere il vecchio campo dell’ex Collegio de La Salle per i loro giochi, lasciando libere per i turisti le magnifiche piazze Unesco.

 

Le Consigliere del M5S al Comune di Benevento

Marianna Farese    Anna Maria Mollica

movimento5stellebenevento

Leave a Reply