Tag Archive M5S

Una risposta a Luigi De Minico sulle Commissioni consiliari

Gent. le Direttore, leggo una reprimenda del Presidente del Consiglio, Luigi De Minico, che riguarda non solo ma soprattutto me, reo di aver convocato la Commissione Ambiente al posto del dimissionario (da luglio) Presidente Nanni Russo. Premesso che tale convocazione è avvenuta dopo aver sentito e aver avuto l’avallo a poterla fare da parte del Presidente, premesso che già abbiamo lamentato il cattivo funzionamento delle Commissioni, chiedendo l’intervento, appunto, del Presidente del Consiglio, del Sindaco e dei capigruppo, e che tale doléance ha avuto il merito di scuotere dal torpore una maggioranza che preferisce (evidentemente!) delegare all’esecutivo la vita politica cittadina, mi sento di respingere le due critiche mosse.

Appare virtuoso esercizio ermeneutico inferire dall’art. 35 che colui che esercita «funzioni vicarie» (nella vulgata: il Vicepresidente) decada ipso facto con le dimissioni del Presidente. In ogni caso il dubbio interpretativo dimostra che la parte del “Regolamento” sulle Commissioni, come da noi richiesto, vada integrata. De Minico desume, dunque, che l’unico organo titolato a convocare la Commissione sia la Presidenza del Consiglio. Eppure il comma 4 dell’art. 34 (Costituzione e composizione) afferma: «In caso di dimissioni […], il gruppo consiliare di appartenenza designa tramite il suo capo gruppo, un altro rappresentante ed il Consiglio comunale procede alla sostituzione». Ribadisco: la vicenda, anomala e accaduta per la prima volta, deve indurre a rivedere il Regolamento, che deve essere chiaro nel merito.

Il secondo ammonimento di De Minico riguarda la funzione delle Commissioni che «devono limitarsi ad atti che poi si tradurranno in deliberazioni consiliari». Non so quanti esponenti della maggioranza stessa condividano questa idea “formalistica” del ruolo delle Commissioni. Io ricordo, però, che nel “Programma di mandato”, che sicuramente De Minico ha contribuito a redigere, a p. 41 è affidata una competenza che esula di gran lunga dai compiti di cui sopra: «Si è avviato un percorso consiliare, attraverso le competenti  commissioni  che  investono  tutte  le  forze  rappresentate,  al  fine  di individuare un’adeguata collocazione all’opera pubblica [il depuratore]. In tal senso, si sono avviati una serie di incontri con i rappresentanti delle associazioni ambientaliste, anche allo scopo  di  offrire  una  concreta  condivisione  per  una  realizzazione  di  tale  impatto». Il lavoro delle Commissioni non ha avuto alcun esito consiliare (ha prodotto una relazione messa a disposizione della Giunta), come De Minico sa bene, e mostra una intelligente e proficua potenzialità di organismi che sono un esercizio di consapevolezza (dei problemi cittadini) e democrazia.

Mi sarebbe piaciuto un invito altrettanto vibrante ai vari partiti e gruppi consiliari a risolvere le beghe interne che stanno minando il corretto funzionamento della Commissioni. Confidiamo nel senso di giustizia del Presidente del Consiglio.

Questa nota non ha alcun intento polemico. Come sempre, nello spirito del M5S, vuole evidenziare delle criticità su cui è doveroso discutere, con l’auspicio che – finita una lunga e caldissima estate – i lavori delle Commissioni e del Consiglio riprendano per il bene della città.

Nicola Sguera, portavoce del M5S

“Vicepresidente” della Commissione Ambiente

(Lettera inviata a «Il Mattino» il 20 settembre 2017, in risposta ad alcune esternazioni ivi espresse dal Presidente del Consiglio, Luigi De Minico, in relazione alla Commissione Ambiente)

 

1